Menu utente

Login Form






Password dimenticata?
Home arrow Politica arrow POLITICA ... in pillole
POLITICA ... in pillole
Scritto da Il Corsaro   
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha firmato lo scioglimento delle Camere e decretato per il 13 e 14 aprile le elezioni  per il nuovo Parlamento. Il percorso per giungere ai due giorni fatidici è scandito da una serie di adempimenti che devono essere rispettati in tempi stabiliti e modalità.
-    I simboli dei partiti vanno presentati al Viminale tra il 29 febbraio il 2 di marzo;
-    Le liste dei candidati vanno presentate tra il 9 e il 10 di marzo;
-    I comizi avranno inizio dal 14 marzo sino alla mezzanotte dell’11 aprile; il giorno dopo è lasciato alla meditazione e al riposo.

Quindici giorni prima del voto, ossia dal 29 marzo, è proibito diffondere sondaggi elettorali.
Il Consiglio dei Ministri, nella settimana prossima, si pronuncerà sulla possibilità di accorpamento delle elezioni politiche e quelle amministrative che in molte regioni sono in scadenza.

Il Comitato promotore del referendum sulla legge elettorale intende ricorrere alla Corte Costituzionale “per conflitto di attribuzioni sul rinvio”. Essendo stato fissato al 18 maggio 2008 la data del ricorso alle urne, per effetto delle elezioni politiche rimandate al 2009, e far valere  la data iniziale.
Vedremo cosa deciderà la Corte.
    
Luca Cordero di Montezemolo, tirato per la giacca da più parti, sollecitato dai giornalisti su una sua possibile scesa in campo, ribadisce il suo no alla politica praticata e dichiara la sua totale appartenenza alla Confindustria: “ per me è la cosa più importante”.
Noi ne siamo ultra convinti! E’ più facile ottenere provvidenze da TUTTI.

Il Partito Democratico, come in più occasioni, il suo leader Walter Veltroni ha confermato, scarica definitivamente (sic) i Comunisti suoi ex alleati, deciso a correre da solo.
Veltroni, navigato politico di vecchia data e con raffinata furbizia, vuole trasformare una sconfitta certa, considerato come Prodi ha saputo portare il paese in questi 18 mesi scontentando tutti, amici e nemici, in una possibile vittoria, solleticando l’amor proprio del Berlusca a presentarsi anch’egli solo con Forza Italia al giudizio del Popolo.
L’ex Premier, benché più giovane in politica dello sfidante, ha più esperienza ed anche più allenato ad ascoltare furbate avendo trascorso la maggior parte della sua esistenza ad incontrare politici di ogni risma e sciacalli industriali.
Vi è una sola ragione che potrebbe convincere il Cavaliere ad accettare questa sfida, ed è la certezza dell’impossibilità di gestire al meglio i due antagonisti di sempre: Fini e Casini.
Speriamo che i due abbiano capitalizzato l’esperienza passata.
Staremo a vedere.
 
< Prec.   Pros. >


Orologio

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Calendario

« < Novembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Statistiche

Visitatori: 36269458

Sponsor