Menu utente

Login Form






Password dimenticata?
Home arrow Diritto e Giustizia arrow CONDANNATO INSEGNANTE DI PALERMO
CONDANNATO INSEGNANTE DI PALERMO
Scritto da Lillo Lanzarone   
La Corte di Cassazione, con la sentenza del 19 agosto 2008 n. 33344, ha condannato per ingiuria aggravata un professore dell’Istituto professionale “Medi” di Palermo, per aver sputato più volte sulla sua preside.
Durante una riunione tra docenti tenuta per fare il punto su un corso di aggiornamento, affidato allo stesso insegnante condannato, mentre la dirigente diceva ad Antonino R. “caro professore forse lei non conosce la differenza tra fare e sperimentare!”, il professore inveiva contro di lei sputandole più volte e dicendole “la sto profumando!"
La Suprema Corte  ha confermando la sentenza della Corte d’Appello di Palermo rimarcando che il gesto “Configura una manifestazione di disprezzo”.
Non ha avuto successo la tesi difensiva che sosteneva che gli sputi erano una forma di dissenso e nemmeno la richiesta di riaprire le indagini per verificare la  direzione e l’efficacia dello sputo perché è irrilevante  se lo sputo avesse o meno attinto la preside visto che  resta il fatto che gli sputi vi erano stati ed erano stati indirizzati alla preside. Al professore non resta che risarcire economicamente i danni morali patiti dalla preside per via del suo comportamento poco civile.
 
< Prec.   Pros. >


Orologio

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Calendario

« < Novembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Statistiche

Visitatori: 36216078

Sponsor