Menu utente

Login Form






Password dimenticata?
Home arrow Economia arrow VENDEMMIA, IN SICILIA SI PARTE IL PRIMO AGOSTO
VENDEMMIA, IN SICILIA SI PARTE IL PRIMO AGOSTO
Scritto da Alessandro Buscemi   

Buone le previsioni per il 2008 secondo Ismea e l’Unione italiana vini

Assovini: «Adesso puntiamo sulla promozione nei Paesi obiettivo»
 

Prenderà il via tra qualche giorno la vendemmia 2008 in Sicilia. L’assessore regionale all’agricoltura, Giovanni La Via, ha in fatti firmato il decreto con il quale vengono fissate le date di apertura e chiusura della stagione vendemmiale di quest’anno. L’1 agosto si potrà iniziare in tutta la Sicilia per continuare fino al 10 novembre prossimo, giorno della stop imposto dal decreto. Il provvedimento regionale ammette una deroga solo per le province di Agrigento Caltanissetta e Catania, dove, eccezionalmente, si potrà raccogliere uva da tavola destinata alla trasformazione in mosto, fino al 10 dicembre. Il decreto stabilisce inoltre che i processi di fermentazione e di rifermentazione dovranno essere bloccati al massimo il 30 novembre. Intanto dall’Ismea, l’istituto per il mercato agricolo alimentare, arrivano buone notizie per gli imprenditori vitivinicoli siciliani. Secondo uno studio condotto dall’istituto, in collaborazione con l’Unione italiana vini, la produzione vitivinicola e’ in netta ripresa e dovrebbe far segnare una crescita del 10 per cento rispetto all’anno precedente. Piu’ che una consolazione, un vero e proprio sospiro di sollievo per gli imprenditori del settore che nel 2007 avevano subito grosse perdite a causa delle anomalie climatiche e degli agenti patogeni. Quest’anno invece, stando alle previsioni Ismea la campagna dovrebbe essere decisamente più generosa rispetto alla passata stagione: «La vendemmia 2008 – si legge nel rapporto - sembra poter recuperare, almeno in parte, le perdite subite dai vigneti italiani nel 2007, sebbene questo recupero potrebbe essere inferiore alle attese». Bene soprattutto il sud dove, da una prima ricognizione effettuata sui vigneti, si registrano consistenti aumenti della produzione. Non è da meno la nostra regione dove, stando al rapporto, «si attende una decisa ripresa produttiva grazie a una stagione che, fino ad ora, è risultata ottimale». E c'è ottimismo anche sul versante della qualità delle uve. Secondo la Coldiretti nazionale, infatti, il 60 per cento della produzione potrà essere commercializzata con denominazione di origine. Un dato positivo per la Sicilia se si considera che la nostra regione produce, insieme a Veneto, Puglia ed Emilia Romagna, quasi i due terzi del totale nazionale. Ed è proprio in questo quadro che si inserisce la volontà di Assovini Sicilia, presieduta da Diego Planeta, di rilanciare con forza la “Doc Sicilia” e di puntare maggiormente alla promozione delle produzioni locali soprattutto nei mercati emergenti.       
 
< Prec.   Pros. >


Orologio

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Calendario

« < Novembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Statistiche

Visitatori: 36209536

Sponsor