Menu utente

Login Form






Password dimenticata?
Home arrow Editoriale arrow Quando i conti non tornano…
Quando i conti non tornano…
Scritto da Antonella giovinco   
Image Impossibile negare l’interesse, la curiosità e il desiderio di mettere le mani in tasca a colleghi, amici, vicini casa e personaggi noti.
Ma la decisione del vice ministro uscente Visco di pubblicare i redditi dichiarati nel 2005 dai cittadini italiani sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate nasce forse per soddisfare quest’esigenza collettiva di indiscrezione? Poco credibile, com’è ovvio. Il Fisco si appella alla legge sulla trasparenza e, a quanto pare, questa possibilità di consultazione esisteva già, anche se poco nota, a patto di recarsi nei Comuni di residenza e farne regolare richiesta. Di certo il web amplifica ogni gesto, e anche questo, come è apparso, si è tramutato in un’azione di curiosità di massa, tanto da mandare in tilt in poche ore il sito su cui i dati potevano essere consultati. Un rapido passaparola ed ecco migliaia di italiani informarsi sul guadagno dichiarato di vip e conoscenti, in barba alla tanto scongiurata privacy.
Già, la privacy: che fine ha fatto la legge 675/1996? Certo, non si tratta forse di dati “sensibili”, ma rimane da chiedersi: a che giova questa pubblicazione? “A esporsi alla malavita e al racket”, sostengono gli scettici. “Meglio la trasparenza” fanno eco i fiancheggiatori. Intanto la decisione del Garante della privacy di impedire la consultazione di questi dati dal sito dell’Agenzia delle Entrate, di fatto non ha impedito agli internauti di accedere comunque a quelle informazioni. Aggirando il provvedimento del Garante, infatti, i redditi 2005 sono ancora consultabili grazie a un sistema di “file sharing”: qualcuno aveva provveduto, infatti, prima dello stop, a copiare i file la cui cancellazione diviene ora impossibile. E anche se il Codacons ha denunciato il vice ministro Visco “per violazione della legge sulla privacy” la frittata è stata fatta. Ma anche gli scettici avranno modo di consolarsi, soddisfando l’umana inclinazione alla curiosità e al gossip. A partire dai vip, i cui redditi dichiarati sono comunque andati in buona parte sulle pagine dei maggiori quotidiani (e non sono poche le incongruenze notate). Fino alla gente comune, dall’amico al collega d’ufficio. Così, giusto per fargli i conti in tasca, fare qualche confronto, crepare d’invidia, sbalordirsi o sentirsi inaspettatamente sopra la media. Così, giusto per avere qualcosa di cui sparlare.
 
< Prec.   Pros. >


Orologio

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Calendario

« < Novembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Statistiche

Visitatori: 36468276

Sponsor