Menu utente

Login Form






Password dimenticata?
Home arrow Politica arrow Contributo al Peac
Contributo al Peac
Scritto da Partito Democratico   
Menfi, 13.01.2012 -  Con questo documento il Partito Democratico vuole  contribuire assieme agli altri partiti ed associazioni, senza preconcetti, a fornire le loro considerazioni e conseguentemente le proposte al fine di determinare la premessa essenziale alla elaborazione del PEAC.
Convinti che il futuro della terra e del suo ambiente,  studiato dai capi della terra  a Rio de Janeiro nel 1992,  poi  a Johannesburg nel 2002 e a giugno di quest'anno con la conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, detta anche Rio+20, dipenda dal rinnovo, in quella sede, dell’impegno politico in ambito di sviluppo sostenibile, dalla valutazione dei progressi fatti sino ad oggi nell’implementazione degli obiettivi internazioni di sostenibilità.
Ma anche dalla capacità di recepire  e lavorare in sincronismo che le varie comunità della terra sapranno avere.
Noi oggi ci troviamo a fronteggiare e a dover decidere su aspetti che, 30 anni fa, non erano cogenti ed erano anacronistici alla forme di vita del tempo.
Occorre incominciare a pensare e lavorare diversamente, in modo nuovo per l'approvvigionamento delle risorse vitali all'umanità garantendo uno sviluppo sostenibile e certo.
L'energia è tra le risorse vitali per l'umanità ed anche se la predisposizione di un PEAC non è un obbligo di legge, per un comune come il nostro, la nostra consapevolezza ed il nostro impegno lo  impongono  come un obbligo morale.
Pianificare la produzione energetica commisurata al  fabbisogno della nostra comunità con fonti alternative, inimmaginabile per le precedenti generazioni, oltre ad una scelta virtuosa non può che essere la premessa ad  innovazioni e a più ampia prospettiva.                        
Come fare , che fare?
Il decreto legislativo n. 115 del 30 maggio 2008 ha assegnato all'ENEA le funzioni di Agenzia Nazionale per l'Efficienza energetica.
L’ENEA, tramite l’Unità Tecnica per l’Efficienza Energetica (UTEE), svolge il ruolo di “Agenzia Nazionale” in attuazione della direttiva 2006/32/CE (recepita con il sopraindicato Decreto Legislativo).
"Obiettivo strategico dell’Unità è lo sviluppo e il trasferimento di conoscenze, sistemi, metodi e tecnologie per il risparmio e l’efficienza energetica nei settori edilizia residenziale e terziaria, industria, agricoltura, trasporti e nei sistemi dei servizi energetici e della generazione distribuita, vitali per la crescita e competitività del Paese.
Con tali finalità, l’Unità svolge attività mirate ad accelerare il processo di adozione di tecnologie-chiave per un uso più efficiente dell’energia e rafforzare le capacità di innovazione del Paese e la competitività delle imprese nel campo del risparmio e dell’efficienza energetica.
Le attività riguardano, in particolare:
•supporto tecnico-scientifico e consulenza per lo Stato, le Regioni e gli Enti Locali per la predisposizione degli strumenti attuativi necessari al conseguimento degli obiettivi indicativi nazionali di risparmio energetico;
•supporto al Ministero dello Sviluppo Economico e alle Regioni ai fini del controllo generale e della supervisione dell'attuazione dei provvedimenti in materia di efficienza energetica;
•verifica e monitoraggio dei progetti realizzati e delle misure adottate per il risparmio e l’efficienza energetica;
•diffusione dell’informazione. A tale scopo, l’Unità Tecnica Efficienza Energetica fornisce informazioni su: dati, quadro normativo, meccanismi di incentivazione, soluzioni tecnologiche, proposte formative, buone pratiche, metodologie semplificate per migliorare l'uso razionale dell'energia per le famiglie, le imprese e la Pubblica Amministrazione del Paese."
"Inoltre, l’ENEA fornisce supporto alle amministrazioni locali responsabili dell’implementazione dei piani energetici, ai consorzi industriali e alle associazioni di categoria e di impresa nella valutazione della sostenibilità ambientale di piani, progetti e programmi territoriali per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il supporto, finalizzato alla piena conformità normativa in materia di protezione ambientale delle azioni proposte sul territorio, può riguardare sia l’individuazione dei siti più idonei ad ospitare le installazioni sia la valutazione dell’impatto ambientale degli impianti in condizioni ordinarie, straordinarie e di emergenza per l’intero ciclo di vita ...."

Quanto sopra esposto ci porta a proporre la richiesta di collaborazione, sotto ogni forma prevista,   con l'ENEA e per essa con l' UTEE.
La serie storica dei consumi, ad oggi pari a 6 MW per tutto il territorio comunale, e la tipologia delle attività produttive non giustificano installazioni con potenza elevata e comunque maggiori di 200 Kw finalizzate alla chiusura del ciclo produttivo.
Preso atto che l'unica energia che non produce inquinamento è quella risparmiata riteniamo che il PEAC più che un elenco di siti in cui realizzare nuovi impianti di produzione debba essere uno strumento che orienta ed incentiva i cittadini verso il risparmio energetico e per tale motivo proponiamo di introdurre misure atte ad incentivare l'istallazione di impianti di produzione sia di energia elettrica che termica sulle abitazioni e sulle attività produttive (generazione diffusa).
L'obbiettivo è quello di installare piccoli impianti di produzione di ausilio alle attività produttive e domestiche, in modo da utilizzare l'energia prodotta da fonti rinnovabili e tramutarla in un risparmio sul costo energetico dei cittadini.
Riteniamo inoltre che si debbano prevedere forme di incentivo, oltre a quelle previste dalle norme già esistenti in materia, verso quelle iniziative di ristrutturazione edilizie che vadano nella direzione del risparmio energetico (es. maggiore coibentazione, solare termico, sostituzione infissi ecc.).
Il Comune deve prodigarsi all'utilizzo di tutti i siti pubblici utili alla produzione di energia da fonte rinnovabile per avere l'autosufficienza energetica abbattendo in tal modo la bolletta energetica.
Concludiamo dicendo che il PEAC deve mirare a soddisfare il fabbisogno energetico dei cittadini e della nostra città, e laddove per la Pubblica Amministrazione nascesse l’esigenza di siti oltre 200 Kw, previa collaborazione con gli Enti preposti ( ENEA, etc. ) il Consiglio Comunale deciderà all’uopo.


                               Direzione Circolo di Menfi del PD
 
< Prec.   Pros. >


Orologio

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Calendario

« < Novembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Statistiche

Visitatori: 36449149

Sponsor