Menu utente

Login Form






Password dimenticata?
Home arrow Diritto e Giustizia arrow LA RESPONSABILITÀ PER I DANNI CAGIONATI DA CANI RANDAGI
LA RESPONSABILITÀ PER I DANNI CAGIONATI DA CANI RANDAGI
Scritto da Lillo Lanzarone   
Il punto principale della vicenda riguarda l’individuazione dei soggetti tenuti alla prevenzione ed al controllo del fenomeno del randagismo, nei confronti dei quali la parte danneggiata può legittimamente avanzare le proprie pretese risarcitorie.
La Corte di Cassazione ha affermando il seguente principio di diritto: “i compiti di organizzazione, prevenzione e controllo (anche) dei cani vaganti siano essi tatuati, e cioè scomparsi o smarriti dai proprietari, ovvero non tatuati spettano pure ai Comuni tenuti anch’essi, in correlazione con gli altri soggetti pubblici (e non) indicati dalla legge, ad adottare concrete iniziative ed assumere provvedimenti volti ad evitare che animali randagi possano arrecare danno alle persone nel territorio di competenza”.
Con il principio anzidetto, la Corte di  Cassazione riprende e sviluppa ulteriormente le conclusioni già espresse in materia con la sentenza n. 10190/10, confermando l’impostazione di base cioè che devono considerarsi responsabili in via solidale dei danni da randagismo sia la ASL territorialmente competente che il Comune.
Entrambi i soggetti, infatti, sono destinatari di obblighi specifici di prevenzione e controllo del randagismo, previsti dalla legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo n. 281/91 e dalle singole leggi regionali di attuazione.
Una volta individuati i soggetti legittimati passivi, la richiesta risarcitoria deve essere ricostruita secondo i canoni della responsabilità da fatto illecito o aquiliana.
In termini generali, la P.A. è responsabile per i danni causalmente riconducibili alla violazione dei comportamenti dovuti, i quali costituiscono limiti esterni alla sua attività discrezionale ed integrano la norma primaria del neminem ledere di cui all’art. 2043 c.c. .
Ne consegue che in presenza di obblighi normativi la discrezionalità amministrativa si arresta, e non può essere invocata per giustificare le scelte operate nel peculiare settore in considerazione.
La P.A. è inoltre, tenuta ad un comportamento informato a diligenza particolarmente qualificata, volto, ad evitare o ridurre i rischi connessi all’attività di attuazione delle funzioni ad essa attribuite.
Tale comportamento, peraltro, rientra nel più generale obbligo di buona fede o correttezza, espressione del principio di solidarietà sociale costituzionalmente garantito, in base al quale il soggetto è tenuto a mantenere nei rapporti della vita di relazione un comportamento leale, specificantesi in obblighi di informazione e di avviso, nonché volto alla salvaguardia dell’utilità altrui, nei limiti dell’apprezzabile sacrificio, dalla cui violazione conseguono profili di responsabilità in ordine ai falsi affidamenti anche solo colposamente ingenerati nei terzi.
Tali principi trovano applicazione anche in tema di danni da randagismo: in caso di concretizzazione del rischio che la norma violata tende a prevenire, la considerazione del comportamento dovuto dalla P.A. e della condotta mantenuta assume decisivo rilievo, e il nesso di causalità relativamente ai danni conseguenti a quest’ultima rimane presuntivamente provato.
                                                                                       Lillo Lanzarone
 
< Prec.   Pros. >


Orologio

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

Calendario

« < Novembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Statistiche

Visitatori: 36215898

Sponsor